BackBackMenuCloseClosePlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB Corporation

"Amore di donna"

Spettacolo teatrale

About the project

AMORE DI DONNA

COME NASCE IL PROGETTO

“Ho avuto tutto mi è mancato solo quello, l’amore di donna”

Cosi si conclude l’intervista che Maria, la nonna di Jessica ci ha regalato, e da queste parole è nata l’urgenza di voler raccontare la sua/nostra storia, con tutte le contraddizioni, le domande, i punti oscuri e gli irrisolti.

È il racconto di una donna che ha subito, che ha superato e che ha attraversato tanti mondi, ai quali vogliamo dare voce per parlare anche un po’ di noi.

Il mondo della famiglia e delle sue relazioni, della solitudine, dell’amicizia, dell’inadeguatezza, il mondo del corpo…

Ci interessa raccontare questa storia scivolando dentro questi mondi, che appartengono a nonna Maria e non solo e lo vogliamo fare attraverso il teatro.

L’incontro con Tamara Bartolini, che sarà la nostra tutor alla drammaturgia ha reso possibile una scrittura, personale e densa.

Abbiamo dato vita ai primi 10 minuti di questo racconto, nel giugno del 2017 partecipando alla rassegna “Pillole” indetta dal Teatro Studio Uno di Roma.

La sfida era quella di portare in scena un assaggio di quello che poi sarebbe stato lo spettacolo completo.

Fortunatamente “Amore di Donna” è stato selezionato e sarà in scena al teatro Studio Uno dal 24 al 27 maggio 2018.

Ma abbiamo bisogno di voi!!!

SI MA DI CHE COSA PARLERA’ LO SPETTACOLO?

La storia di Maria è un pretesto, per portare a noi il suo vissuto che attraversa quasi un secolo di storia italiana.

Parleremo di memorie, come frammenti di uno specchio infranto, di sogni e di desideri, di rimpianti e di compromessi cercando di rifuggire la retorica malinconica del passato.

Questa storia è il giusto punto di partenza per interrogarci sulla nostra esistenza; un modo per guardarci più da vicino grazie al teatro che permette con la sua complessa semplicità di essere universale.

È un lavoro che indaga la costruzione e la perdita dell’identità dell’uomo che da piccoli si pensa di costruire e che poi col diventare grandi si pensa di aver perso.

“Mi guardo bambina e cerco un indizio, una traccia della donna che sarei diventata. Forse quello che diventiamo lo siamo già da subito."

La mancanza è un tema che ci è molto caro. Ci siamo chiesti cosa fosse e con una risata amara ci siamo resi conto di quanto siamo ricchi di mancanze pur avendo tutto.

La scena vedrà protagoniste due attrici, Jessica e Arianna, che sarà anche musicista con il suo organetto, personaggio aggiunto e impersonificatore di tempi e luoghi.

Il nostro intento è quello di lavorare su diversi piani narrativi, quello del personaggio che è in balia degli eventi, quello del narratore che li racconta, e quello delle attrici in quanto donne, portatrici di desideri e mancanze, proprio come Maria. Infine il piano dello spettatore cercando di far emergere il suo punto di vista.

What are the funds for?

Avendo raggiunto ad oggi l'obiettivo del 100% la sfida si trasforma: 

Arrivare almeno al 120% entro la fine della campagna per sostenere la realizzazione delle scenografie (videomapping), l'acquisto di taaaaanteeee valige d'epoca, il noleggio di luci speciali, e se rimane qualcosina come compenso per gli attori. Ovviamente in cambio ci sarà un omaggio in più per tutti i sostenitori presenti e futuri!

Dato che siamo una compagnia indipendente, quindi senza agevolazioni istituzionali, ognuno di noi investirà personalmente su questo spettacolo tempo e denaro. Ma i costi di una produzione teatrale, seppur volti a limitare ogni spreco sono alti, costumi, scenografia, luci, Siae, sala prove, dramaturg, tasse, tasse, tasse… Uno dei nostri obiettivi è quello di alzare la qualità del lavoro, e il crowfounding è per noi un valore aggiunto che possiamo dare allo spettacolo, identificandoci in un ambito professionale. 

“AMORE DI DONNA” sarà completamente autofinanziato, e per questo motivo abbiamo bisogno del vostro sostegno alla produzione, per poter sopperire in parte alle spese a cui andremo incontro.

Nello specifico ecco cosa realizzeremo con il vostro contributo:

  • 300€ supervisore alla drammaturgia: cifra che copre il 50% della spesa totale
  • 200€ scenografia: cifra che copre il 50% della spesa totale
  • 100€ attrezzeria di scena: tutti gli oggetti che verranno utilizzati in scena.
  •  200€ costumista e costumi: cifra che copre il 50% della spesa totale
  • 400€ light desiner e scenografo: cifra che copre il 50% delle spese effettive
  • 100€ luci: cifra che copre il 50% delle spese effettive
  • 500€ tasse
  • 500€ ricompense: stima dei costi per tutti i benefit che otterrete dalle vostre donazioni.
  • 200€ commissione per ULULE: che corrisponde all'8% della cifra raccolta.

Ecco un estratto del video creato per "Pillole"

About the project owner

Visita

The Ghepards

Facebook The Ghepards Teatro

Facebook Jessica Granato Attrice

http://cometastudio.eu/

Seguici!!!

Siamo Jessica Granato, Riccardo Marotta e Arianna Barberi, della compagnia teatrale indipendente "The Ghepards".

Tutti e tre ci siamo formati presso il “Centro internazionale La Cometa” di Roma, luogo a noi caro per il continuo sostegno. 

Attrice e autrice del progetto “Amore di Donna”.

Jessica Granato nata a Reggio Calabria il 24/04/1987.

Laureata nel 2010 in Scienze del Servizio Sociale a Reggio Calabria.

In teatro ha lavorato con Andrea Baracco, Lisa Natoli, Flavio Albanese, Giles Smith, Lorenzo Montanini e tanti altri.

Partecipa anche a progetti cinematografici.

Guida registica del progetto “Amore di donna”

Riccardo Marotta nato a Napoli il 29/11/1990

In teatro ha lavorato come attore con Gigi Proietti, Pierpaolo Sepe, Alessandro Preziosi  e tanti altri.

Assistente di Flavio Albanese “della Compagnia del Sole”.

Partecipa alla serie tv “Gomorra” nel ruolo dello Snicher.

Attrice e musicista del progetto “Amore di Donna”

Arianna Barberi nata a Roma il 04/04/1992.

In teatro ha lavorato con Fabiana Iacozzilli, Fabrizio Arcuri, con la compagnia Altamira Studio Teater di Pierangelo Pompa, ex-assistente di Eugenio Barba, e con la compagnia Instabili Vaganti diretta da Anna Dora Dorno. Lavora inoltre nel teatro sociale presso il Centro diurno Arvalia. Come musicista ha suonato per 11 anni con l'orchestra Il Giardino Della Pietra Fiorita, diretta dal Maestro Alessandro Parente e collabora musicalmente con artisti del territorio nazionale e internazionale nell'ambito della formazione/ricerca teatrale.

“The Ghepards” nasce nel 2016 dall’incontro artistico di dieci attori provenienti da percorsi formativi eterogenei.

Grazie a Francesco Colombo, presidente regista e drammaturgo della compagnia sono stati realizzati due spettacoli:

  • IL CIELO E' COSA NOSTRA  spettacolo vincitore del bando “Italia dei visionari 2017”.

  • La Fanciulla con la cesta di frutta” spettacolo finalista del Roma Fringe festival 2016.

Il lavoro della compagnia pone le fondamenta sulla forza del gruppo che alimenta il processo creativo attraverso la contaminazione umana e il "gioco". Un gioco fatto di regole, improvvisazioni e ricerca che permette a ciascun attore di ambire alla massima libertà espressiva.

Attualmente la compagnia è impegnata nella distribuzione degli spettacoli realizzati e nell'ideazione di nuovi progetti.

FAQ

If you still have an unanswered question, feel free to ask the project owner directly.

Ask your question Report this project